Come funziona il servizio di preventivi di habitissimo?
Richiedi un preventivo gratuitamente In meno di 1 minuto e gratis

Richiedi preventivi per impermeabilizzazione online. Riceverai diversi preventivi da confrontare dai migliori professionisti di impermeabilizzazione.Servizio completamente gratuito e senza impegno.

Prezzo di Impermeabilizzazione

Quanto costa un lavoro di Impermeabilizzazione?

Il prezzo medio è di

3.617 €
Da 500 € Prezzo più basso per la categoria: impermeabilizzazione
Fino 13.000 € Prezzo massimo indicatoci dai professionisti per i lavori di impermeabilizzazione

Questi prezzi sono approssimativi e possono variare in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

Per ottenere un preventivo personalizzato:

Informazione utile
  • Se non volete avere problemi di muffa e umidità in casa è molto importante far eseguire l'impermeabilizzazione del tetto e delle pareti. In questo modo riuscirete a proteggere la vostra abitazione dalle infiltrazioni in maniera efficace e duratura.

  • 1-3 giorni
  • Difficoltà: Media

Gli ambienti che necessitano di essere impermeabilizzati

Impermeabilizzazione della terrazza

Impermeabilizzazione della terrazza

Se si possiede una terrazza è d’obbligo una buona impermeabilizzazione per evitare infiltrazioni d’acqua ogni volta che piove, infiltrazioni che possono provocare gravi danni ai piani sottostanti e alle strutture esterne ed interne della casa, e la comparsa di macchie d’umidità sui muri a causa della non permeabilità al vapore dei manti di copertura e della conseguente formazione di condensa.

A questo scopo è particolarmente indicata l’impermeabilizzazione a base di materiali applicati in forma liquida perché permette di riempire perfettamente tutte le fessure e le incrinature presenti e di non rimuovere la pavimentazione esistente e il sottofondo in malta, riducendo così notevolmente i tempi di esecuzione e i costi ed eliminando il disturbo dello smaltimento in discarica del materiale di risulta.

In alternativa si può usare la classica guaina impermeabilizzante bituminosa accompagnata da una sottostante barriera anti vapore, da applicare non solo sulla soletta, ma anche lungo tutto il parapetto della terrazza e sulla quale poi vanno posti il nuovo massetto e la nuova pavimentazione.

Attenzione però ai punti critici quali i raccordi tra i teli bituminosi e le aperture di deflusso dell’ acqua dove ci sono maggiori variazioni termiche e igrometriche che potrebbero provocare lesioni al manto impermeabilizzante.

Fonte dell'immagine in: curbed

Impermeabilizzazione del sottotetto

Impermeabilizzazione del sottotetto

Parte della casa sottoposta al rischio maggiore d’infiltrazioni ogni volta che piove o nevica e la cui impermeabilizzazione, quindi, è fondamentale è sicuramente il tetto che è costantemente esposto alle piogge e alle nevicate, insomma a tutti gli eventi atmosferici.

Se adeguatamente protetto, pertanto, non si avranno infiltrazioni che possono mettere in pericolo anche la struttura portante dell’edificio né formazione di muffe e condensa né l’infiltrazione di polvere e insetti nel sottotetto

Questo accorgimento è particolarmente utile in caso questo sia stato reso abitabile e si voglia mantenervi un alto comfort abitativo.

L’impermeabilizzazione deve avvenire sul lato esterno del tetto per evitare la formazione di condensa dell'umidità presente nella muratura e quindi di muffa ponendo sopra i pannelli coibenti dei teli impermeabilizzanti e traspiranti per sottotetti, tetti ventilati e a falde, in tessuto non tessuto di poliestere, in grado di creare una barriera protettiva contro il passaggio dell’acqua, ma permeabile al vapore e all’ aria (la struttura del tetto rimane quindi asciutta) oppure una guaina traspirante, che resiste all'acqua piovana, facilita l'evaporazione dell'umidità che riesce ad oltrepassare il freno vapore e protegge dall’azione del vento e dall’ingresso di polvere e insetti, o, infine, una guaina bituminosa.

Fonte del'immagine in: jurnal dedesign interior

Impermeabilizzazione delle pareti esterne

Impermeabilizzazione delle pareti esterne

Altra parte di un’abitazione più esposta alle intemperie e al rischio d’infiltrazioni d’acqua, di umidità e di condensa, oltre al tetto, sono sicuramente le pareti esterne.

Sottoposte a tutte questi stress esterni, se non adeguatamente protette rischiano col tempo di creparsi facilitando così le infiltrazioni.

Esistono molteplici soluzioni per impermeabilizzare le pareti esterne di un edificio che vanno da vernici speciali a composti isolanti, ma fra tutti la migliore soluzione risulta essere l’impermeabilizzazione a cappotto che oltre a proteggerle da rischi di condensa e infiltrazioni d’acqua è in grado d’isolarle termicamente. Sulle pareti esterne si applicano quindi speciali pannelli isolanti e impermeabilizzanti ricoperti da malte adesive pre-colorate o dotati di una rete porta intonaco per eseguirvi la finitura tradizionale che si desidera oppure una stratificazione costituita da barriera anti vapore, materiale isolante e guaina impermeabilizzante.

Fonte dell'immagine in: webinitali org

Impermeabilizzazione del bagno

Impermeabilizzazione del bagno

Altra parte di una casa che non può fare a meno dell’impermeabilizzazione è la doccia: qui è alto il rischio di danni dovuti all'umidità, alle infiltrazioni e all'acqua ristagnante se non si opera una perfetta sigillatura del piatto doccia con silicone bianco antimuffa lungo le pareti del box doccia o un’impeccabile impermeabilizzazione del sottofondo e delle mattonelle su cui batterà l’acqua della doccia nel caso di piatto doccia a filo pavimento.

A questo scopo è ideale un’impermeabilizzante a base di polimeri poliuretanici che, applicato in forma liquida e a freddo, sfrutta l’umidità ambientale per creare una membrana idrorepellente continua e compatta, quindi è l’ideale in un luogo come il bagno e in particolare la doccia dove è facile trovare acqua corrente e stagnante.

Fonte dell'immagine in: Magazine Delle Donne

Perché è importante l'impermeabilizzazione?

Impermeabilizzazione: chiedi all'esperto!

Quando è meglio richiedere un intervento di impermeabilizzazione?

L’ideale è impermeabilizzare la casa prima della stagione delle piogge, ovvero alla fine della primavera o durante l’estate. Così facendo eviterete di incorrere in spese multiple quando piove (con il rischio che il materiale non si fissi completamente), e sarete al riparo da eventuali danni alla pittura, ai mobili e alla struttura causati da umidità e perdite.

Il consiglio è dunque di avviare i lavori almeno un paio di mesi prima della stagione delle piogge, ma se avete fatto diversamente, esiste comunque una soluzione, dato che sono disponibili diversi impermeabilizzanti applicabili anche durante i periodi piovosi. In commercio si trovano vari tipi di prodotti:

  • Acrilici

  • Asfaltici

  • Prefabbricati

  • Prodotti a base di cemento

Le imprese specializzate raccomandano impermeabilizzanti diversi a seconda del materiale con cui è stato costruito ciascun immobile. Molti fornitori per offrire un preventivo definitivo hanno bisogno di conoscere la superficie da impermeabilizzare, dal momento che i costi di applicazione possono variare in base alla struttura, alla pulizia, alla rimozione di un impermeabilizzante precedente ecc.

Come risolvere il problema dell'umidità senza impermeabilizzare?

Il primo passo consiste nell’eliminare la fonte del problema. Il soffitto o le pareti che presentano macchie affacciano all’esterno o su uno spazio interno (un’altra stanza della stessa casa o un appartamento vicino).

Se affacciano all’esterno, è probabile che ci siano crepe o fessure che causano infiltrazioni. Queste possono essere di piccola entità, e dar luogo a macchie, o di entità maggiore.

Nel secondo caso, se le infiltrazioni sono sul soffitto, finiranno col causare perdite, perciò è necessario riparare i danni prima di dipingere la parete.

Stessa cosa se la superficie affaccia verso l’interno. Il passaggio di umidità generalmente è dovuto a un tubo rotto o a una parete con infiltrazioni che conduce a una stanza con molta umidità, come la cucina o il bagno.

Occorre dunque riparare il danno per evitare che il problema si ripresenti. Riparato il guasto, bisogna rimuovere la macchia. Per fare questo basta raschiare e carteggiare la superficie per eliminare ogni traccia di muffa o altri residui di umidità.

Dopo aver rimosso la macchia, si procede all’ultimo step: l’applicazione della nuova pittura. Conviene usare una pittura antiumidità o antimuffa, per prevenire la nuova comparsa di macchie.

Anche se il problema è stato risolto prima di impermeabilizzare, questo è un modo per premunirsi contro eventuali nuovi problemi o contro l'eventuale accumulo di umidità nei punti privi di una buona ventilazione.

Tecniche e materiali utilizzati per l'impermeabilizzazione

Come avviene un'impermeabilizzazione in chiave ecologica?

4.219 persone hanno chiesto preventivi per impermeabilizzazione

Preventivi per categoria
Preventivi relazionati