Come funziona il servizio di preventivi di habitissimo?
Richiedi un preventivo gratuitamente In meno di 1 minuto e gratis

Richiedi preventivi per realizzare installazione completa idraulica online. Riceverai diversi preventivi da confrontare dai migliori professionisti di realizzare installazione completa idraulica.Servizio completamente gratuito e senza impegno.

Prezzo di Realizzare Installazione Completa Idraulica

Quanto costa un lavoro di Realizzare Installazione Completa Idraulica?

Il prezzo medio è di

3.934 €
Da 150 € Prezzo più basso per la categoria: realizzare installazione completa idraulica
Fino 13.450 € Prezzo massimo indicatoci dai professionisti per i lavori di realizzare installazione completa idraulica

Questi prezzi sono approssimativi e possono variare in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

Per ottenere un preventivo personalizzato:

Alcuni prezzi per l'installazione dell'impianto idraulico

Tipo di prodotto Prezzo
Tubi di rame 25€ - 40€/mt
Tubi di ferro 15€ - 40€/mt
Fornitura impianto idraulico cucina 350€ - 700€
Fornitura impianto idraulico bagno 500€ - 1.000€

I prezzi sono orientativi e possono variare in funzione di vari fattori a seconda del tipo di lavoro

Richiedi preventivi gratis
Informazione utile
  • Se dovete far installare un nuovo impianto idraulico in casa vostra, scegliete il sistema di distribuzione a collettore o a ragno così da risparmiare notevolmente nei tempi e nei costi di posa grazie alla sua particolare facilità d’installazione; a questi vantaggi si unisce anche la notevole comodità nella riparazione delle sue parti danneggiate in caso di perdite d’acqua.

  • 1-2 giorni
  • Difficoltà: Media

Installazione idraulica completa, i punti da realizzare

1. Smantellamento del vecchio impianto idraulico

1. Smantellamento del vecchio impianto idraulico

La prima parte dei lavori per la realizzazione di una nuova installazione idraulica completa che vada a sostituire una obsoleta e in cattive condizioni prevede lo smantellamento di tutto l’esistente del vecchio impianto: gli operai eseguono, infatti, dopo aver staccato la linea idrica e la linea elettrica per evitare rischi, la rimozione dei sanitari in bagno e in cucina, degli elettrodomestici collegati all’ impianto idraulico, dei pavimenti, dei rivestimenti, delle piastrelle, dei massetti di sottofondo, a volte anche dell’intonaco sottostante, e infine delle cassette a caduta dei wc, e delle tubazioni, delle rubinetterie, dei sifoni e delle valvole del vecchio impianto idrico e di scarico.

2. Installazione del nuovo impianto idraulico

2. Installazione del nuovo impianto idraulico

Per la realizzazione del rifacimento completo dell’impianto idrico intervengono sia l’idraulico, per la parte specificatamente tecnica dell’impianto stesso come l’indicazione del posizionamento dei punti di erogazione e dei pezzi sanitari e dello schema delle tubazioni e l’inserimento di collettori, sia il muratore, per i lavori edili come la realizzazione delle tracce a muro o a pavimento e l’installazione e incasso dei tubi. È importante che questi tecnici lavorino in maniera ben coordinata e sincronizzata, per questo è meglio, quando possibile, affidarsi a un’impresa edile che abbia al suo interno entrambe le professionalità piuttosto che ai singoli professionisti.

3. Collaudo a pressione del nuovo impianto idraulico e schema impianto

3. Collaudo a pressione del nuovo impianto idraulico e schema impianto

Prima di chiudere le tubazioni dell’impianto e di posare le piastrelle del rivestimento e del pavimento, si esegue la realizzazione del collaudo a pressione del nuovo impianto idrico completo in modo da poter intervenire in caso di perdite senza dover rimuovere nuovamente pavimenti e rivestimenti, e si segna uno schema semplice e razionale, o si fanno delle foto, di come sono posizionati i tubi dell’acqua calda e dell’acqua fredda nel pavimento e nelle pareti, cosicché per eventuali interventi di manutenzione futuri che prevedono fori nelle pareti o nel pavimento si eviteranno di bucare le tubazioni.

4. Posa in opera dei rivestimenti e montaggio delle utenze del servizio

4. Posa in opera dei rivestimenti e montaggio delle utenze del servizio

Si procede quindi alla posa in opera dei rivestimenti e dei pavimenti: prima si prepara il piano di posa, perfettamente a livello, del massetto di sottofondo con il quale si chiudono le tracce dell’impianto idraulico, poi si posano in opera i pavimenti con la realizzazione delle fughe, infine si collocano le piastrelle di rivestimento e le relative fughe. Come penultimo passaggio si procede al montaggio delle diverse utenze di servizio in bagno e in cucina (lavello, lavatrice, lavabo, vasca da bagno, doccia, bidet, water e lavastoviglie) e poi al loro collaudo per verificarne il corretto funzionamento e la pressione dell’acqua. Al termine di questa realizzazione l’impresa esegue per ultimo una pulizia degli ambienti dove ha eseguito l'installazione competa dell'impianto idraulico e fa un controllo generale prima di chiudere definitivamente il cantiere.

Fonte delle immagini: foto.habitissimo.it

Installazione idraulica completa: quali sono i materiali migliori

Termini da sapere per realizzare una installazione idraulica completa

  • Allacciamento: tratto di tubazione compreso tra il punto di derivazione della condotta principale e il contatore atto all’ approvvigionamento idrico dell’impianto idraulico. 
  • Bocca di erogazione: rubinetteria sull'uscita dell'impianto idraulico.
  • Braga: raccordo per collegare una tubatura orizzontale a una verticale (di solito c’è né una posta sotto il wc nella quale confluisce lo scarico del water stesso).
  • Chiave d’ingresso o d’arresto: valvola ad uso manuale che intercetta l'acqua in pressione e ne determina l'afflusso o il deflusso con la sua apertura e chiusura; la chiave d'arresto principale dell'impianto serve ad isolare tutto l'impianto che si sviluppa a partire da essa mentre le altri chiavi servono per isolare singole parti dell'impianto idraulico, ad esempio possono essere poste sotto la cucina, per la presenza di un eventuale scaldabagno, per isolare la parte dell'impianto relativa a specifiche utenze (termosifoni, sanitari del bagno, lavello, ecc.) e poter procedere alla manutenzione di un apparecchio senza dover togliere l'acqua a tutta la casa.
  • Collettore: dispositivo, di solito realizzato in acciaio inox e installato in cassette ispezionabili di plastica ABS o lamiera zincata incassate nelle pareti, che serve a distribuire l'acqua in pressione nel circuito idrico in modo ordinato a tutte le utenze (termosifoni, sanitari del bagno, cucina, ecc.); nei circuiti di riscaldamento permette la "mandata" di acqua calda in corrispondenza dell'ingresso di ogni calorifero ed il ritorno in corrispondenza dell'uscita di ogni calorifero, invece negli impianti idraulici idro-termosanitari (impianto idraulico del bagno o della cucina), ripartisce semplicemente l'acqua calda o fredda della colonna di adduzione principale alle varie utenze (wc, bidet, lavabo, ecc.) quindi fa solo la cosiddetta "mandata”. 

Normative, permessi, certificazioni, agevolazioni e detrazioni fiscali per realizzare un'installazione idraulica completa

Per quanto riguarda i permessi necessari per realizzare una completa installazione dell’impianto idraulico si configura come un’opera di manutenzione straordinaria quindi è obbligatorio chiedere l’autorizzazione al Comune e presentare all’ Ufficio tecnico comunale la C.I.L. (Comunicazione di Inizio Lavori) o la C.I.L.A. (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) insieme a un documento contenente i dati identificativi dell’impresa a cui si affida la realizzazione del rifacimento completo dell’impianto idraulico e la relazione tecnica di un tecnico abilitato che assicuri sotto la propria responsabilità la conformità dei lavori ai regolamenti edilizi e alle norme.

Alla fine della realizzazione dell'installazione idraulica completa o dell’integrale rifacimento di un impianto idraulico obsoleto, l’impresa installatrice è tenuta alla consegna del Certificato o Dichiarazione di conformità ai sensi del D.M. 37/2008 (ex L. 46/90), ossia il documento, rilasciato dal tecnico installatore dello stesso, con il quale si attesta la conformità dell’impianto alle norme vigenti e alle specifiche tecniche richieste.

A esso vanno allegati necessariamente a pena della nullità il progetto dell'impianto, lo schema di impianto, la relazione tipologica e infine il certificato d’iscrizione alla Camera di Commercio della ditta che ha eseguito i lavori. Questo documento deve essere presentato dall'installatore allo Sportello Unico dell'Edilizia del Comune in cui è ubicato l'impianto.

Per quanto riguarda invece le agevolazioni e detrazioni fiscali di cui si può beneficiare per questo tipo d’intervento, abbiamo già visto che la realizzazione di una installazione completa dell’impianto idraulico si configura come un opera di manutenzione straordinaria e quindi gode, se svolto all’ interno di edifici residenziali, dell’IVA agevolata al 10% e della detrazione IRPEF al 50% prevista per interventi di ristrutturazione edilizia.

Per godere delle detrazioni fiscali in caso del rifacimento dell’impianto idraulico è importante effettuare tutti i pagamenti alla ditta esecutrice dei lavori tramite bonifico bancario.

1.000 persone hanno chiesto preventivi per realizzare installazione completa idraulica

Preventivi per categoria
Preventivi relazionati