Come funziona il servizio di preventivi di habitissimo?
Richiedi un preventivo gratuitamente In meno di 1 minuto e gratis

Prezzo di Riscaldamento

Quanto costa un lavoro di Riscaldamento?

Il prezzo medio è di

1.831 €
Da 310 € Prezzo più basso per la categoria: riscaldamento
Fino 5.602 € Prezzo massimo indicatoci dai professionisti per i lavori di riscaldamento

Questi prezzi sono approssimativi e possono variare in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

Per ottenere un preventivo personalizzato:

Prezzi per componenti impianto riscaldamento

Tipo di riscaldamento Prezzo
Caldaia a gas 1000€ - 1800€
Scaldabagno (80 litri) 82€ - 130€
Riscaldamento a pavimento 50€ - 70€/mq
Termosifoni in alluminio ad acqua 28€ - 124€
Termosifoni elettrici 100€ - 500€
Pompa di calore 250€ - 6.000€

I prezzi sono orientativi e possono variare in funzione di vari fattori a seconda del tipo di lavoro

Richiedi preventivi gratis

Riscaldare con stile: caminetti e stufe di design canalizzabili

Stufa a pellet ad incasso

Stufa a pellet ad incasso

Le stufe canalizzabili hanno il pregio di riscaldare, attraverso apposite tubature, ambienti dislocati su più piani. Questi impianti si distinguono in base al modello e al carburante utilizzato. Nella foto è possibile vedere una stufa che funziona a pellet, e che rimane incassata alla parete come fosse un piacevole quadro.

Fonte dell'immagine in: ecoo.it  

Stufa a pellet esterna

Stufa a pellet esterna

Questa stufa funziona sempre a pellet, ma a differenza del modello precedente non è ad incasso ma è esterna. Gli impianti canalizzabili, infatti, sono presenti in diverse misure e colori, e sono quindi adatti a soddisfare ogni esigenza abitativa. Tutti i modelli garantiscono standard prestazionali molto elevati.

Fonte dell'immagine in: caminisulweb.it  

Termocamino a legna

Termocamino a legna

Un altro combustibile ecologico ma dall’alto rendimento, che non è mai passato di moda, è la legna. Questo modello di temocamino funzionante a legna è molto elegante, perché è costituito da linee ininterrotte e pulite, e pertanto si adatta particolarmente al design minimale, spesso presente nelle case moderne.

Fonte dell'immagine in: mcz.it 

Termo-camino a gas

Termo-camino a gas

Questo elegante impianto ha la capacità di riproporre, in termini estetici, tutti i pregi di un tradizionale camino a legna, con la differenza che funziona a gas. In questo sistema, l’intensità della fiamma può essere regolata con un apposito telecomando. Anche i termo-camini a gas possono essere sia esterni che da incasso.

Fonte dell'immagine in: mcz.it 

Informazione utile
  • Il riscaldamento è fondamentale per rendere la casa vivibile durante il periodo invernale. Esistono diverse tipologie d’impianti; per effettuare una scelta ottimale in base alle proprie esigenze, è sempre meglio rivolgersi ad un tecnico esperto!

  • 1 settimana
  • Difficoltà: Media

Ecco gli impianti di riscaldamento più diffusi!

Riscaldamento a parete

Riscaldamento a parete

Questo impianto di riscaldamento fa parete dei cosiddetti sistemi radianti, perché distribuisce il calore in maniera uniforme ed ottimale. 

Viene installato lungo la superficie della parete, e si rivela quindi molto pratico perché non sottrae spazio. Inoltre, è anche molto economico perché, anche dopo lo spegnimento, continua a diffondere il calore. 

Questo impianto può essere utilizzato sia in inverno, per riscaldare la casa, sia in estate per il raffreddamento.

Fonte dell'immagine in: riscaldamentoelettrico.info

Riscaldamento a biomassa

Riscaldamento a biomassa

Chi desidera adottare i sistemi alternativi, può optare per il riscaldamento a biomassa, che è ecologico ed economico

Esistono, infatti, caldaie e stufe che funzionano con carburanti naturali e non inquinanti, come il pellet, il legno e il cippato. 

Per creare un’ineguagliabile atmosfera, è possibile installare anche un camino. 

Chi per diversi motivi non può eseguire lavori di muratura, o non vive all’ultimo piano, può optare per un camino senza canna fumaria

Fonte dell'immagine in: wwndirectory

Riscaldamento con pompa di calore

Riscaldamento con pompa di calore

La pompa calore è considerato un impianto ad alta efficienza energetica; l’unico neo di questo sistema può essere costituito dall’alto costo iniziale. 

Questo impianto può essere utilizzato sia per il riscaldamento invernale che per il raffreddamento estivo. Le pompe di calore aria-aria sono le più diffuse, e sono molto semplici da installare. 

Quelle aria-acqua, oltre a climatizzare l’ambiente, producono anche acqua calda sanitaria.

Fonte dell'immagine in: abbassalebollette.it

Riscaldamento ad infrarossi

Riscaldamento ad infrarossi

Chi desidera utilizzare un riscaldamento innovativo ed ecologico può ricorrere anche al riscaldamento ad infrarossi, che funziona ad elettricità e produce una particolare luce riscaldante non visibile ad occhio nudo. 

Per questo motivo, tale sistema è non è per nulla dispendioso, ma al contrario permette un elevato risparmio sui consumi. Inoltre, garantisce una sicurezza maggiore rispetto ai tradizionali impianti a gas.

Fonte dell'immagine in: soladria

Riscaldamento a soffitto

Riscaldamento a soffitto

Come suggerisce la parola, questo  di riscaldamento viene installato a ridosso del solaio di copertura della casa. 

Per la sua installazione, occorre creare, attraverso un controsoffitto in cartongesso, un’intercapedine a ridosso del soffitto dove posizionare l’impianto. In questo modo, il calore viene prodotto dall’impianto, e quindi diffuso in tutte le pareti del locale. 

Da qui viene poi rilasciato gradatamente all’ interno dell’ambiente. Questo sistema di riscaldamento non richiede particolari opere di muratura; tuttavia, se ne sconsiglia l’installazione nelle case dove i soffitti sono troppo alti, come quelle antiche.

Fonte dell'immagine in: Pinterest

Caldaia a basamento a gas

Caldaia a basamento a gas

Il sistema di riscaldamento più utilizzato è quello composto da una caldaia a gas (metano – gpl o gasolio) abbinata ai classici radiatori o termosifoni. Tuttavia, esistono anche altre tipologie, come le caldaie elettriche (che funzionano ad elettricità) e quelle a biomassa (che utilizzano un carburante naturale come il legno o il pellet).

Per orientarsi nella scelta è bene ricordare che, ai sensi del DPR 660/96, le caldaie sono suddivise in quattro classi, che vengono identificate con il numero delle stelle. Le caldaie a 3 o 4 stelle presentano un rendimento più alto rispetto alle altre.

Fonte dell'immagine in: Caldaie online

Riscaldamento a pavimento

Riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento è composto da tubi distribuiti a serpentina lungo tutta la superficie del pavimento, e diffonde in maniera uniforme il calore in tutta la casa, senza provocare la formazione di polvere. 

Inoltre, ha un rendimento superiore rispetto agli altri impianti, e garantisce un notevole risparmio. 

Molto spesso ci si chiede quanto duri un impianto di riscaldamento a pavimento; se installato correttamente, può durare anche più di 50 anni. Un impianto simile è quello del riscaldamento a battiscopa, che, come suggerisce il nome, viene installato lungo la superficie perimetrale del battiscopa. 

A differenza di quello a pavimento, l’installazione di questo sistema non sono necessarie opere di muratura.

Fonte dell'immagine in: gruppoitieffe.com

Domande frequenti sugli impianti di riscaldamento

Quali tipi di riscaldamento esistono?

I sistemi di riscaldamento consistono per la maggior parte in stufe e caldaie che generano calore attraverso diverse fonti di energia quali gas, elettricità e il sole. Ci sono vari tipi di riscaldamento: elettrico, radiante, a gas, mediante pompe di calore ecc. I sistemi che vengono usati più di frequente nelle nostre case sono quelli elettrici e a gas, sebbene questi ultimi vengano installati negli edifici al momento della costruzione, e un’installazione successiva comporterebbe costi piuttosto elevati.

Qual  è la migliore tipologia di riscaldamento per la mia casa?

Non è facile rispondere a questa domanda, dato che molto dipende dall’uso che si fa dell’abitazione e dalle sue caratteristiche. La tipologia più economica è quella dei sistemi di aria condizionata che dispongono anche della funzione di riscaldamento, dato che non necessitano di installazione e assicurano buoni risultati. L’installazione di una caldaia è consigliabile per le abitazioni di campagna, mentre se si vive nel centro di una città, probabilmente la soluzione più facile è l’installazione a gas, che risulta essere una tipologia di riscaldamento efficace e tutto sommato economica.

Come si realizza un impianto di riscaldamento?

La procedura per l’installazione del riscaldamento è strettamente legata alla tipologia che vogliamo installare. Se scegliamo un impianto di aria condizionata con funzione di riscaldamento, non bisogna far altro che posizionarlo in casa, mentre se optiamo per il sistema di riscaldamento radiante, la procedura è un po’ più complessa, e quindi più cara. Se invece scegliamo il gas naturale, la difficoltà e il prezzo della procedura  dipenderà dal fatto se le condutture del gas sono già presenti o vanno installate da zero.

Cosa deve contenere un preventivo per il riscaldamento?

Il preventivo per l’installazione del riscaldamento nella tua casa deve includere in primo luogo il prezzo della caldaia, dell’impianto di aria condizionata, della pompa di calore o di qualunque altro tipo di sistema scegliamo di utilizzare per rendere più gradevole la temperatura interna. Nella voce relativa al materiale non bisogna però includere solo questo prezzo, ma anche quello di tutti i materiali che verranno utilizzati per i lavori di installazione. Oltre ai materiali, ovviamente occorre conoscere il costo della manodopera, e se essa viene conteggiata su base oraria o alla fine dei lavori.

Cosa devo includere nella richiesta di preventivo?

Nella richiesta di preventivo la prima cosa da fare è indicare il tipo di riscaldamento che vogliamo installare, o almeno fornire alcuni dati che consentano ai professionisti di consigliarci la tipologia di impianto più adatta alle nostre esigenze. Inoltre è importante comunicare l’eventuale presenza di un impianto a gas o di aria condizionata. La posizione e le dimensioni dell’abitazione dove vogliamo installare il riscaldamento sono un altro elemento importante, dato che le esigenze di riscaldamento di un piccolo appartamento non sono le stesse di quelle di una casa a due piani.

Riscaldamento condominiale: come risparmiare?

I lavori sull'impianto di riscaldamento maggiormente richiesti

Impianto di riscaldamento, cenni sulla normativa

Tra gli altri lavori che si possono svolgere sull'impianto di riscaldamento, alcuni garantiscono l'accesso ad agevolazioni e detrazioni fiscali, dal 50% fino al 65%.

I lavori che permettono di accedere al cosiddetto Ecobonus, quindi a detrazioni fiscali al 65% sono quelli che prevedono la sostituzione parziale o totale dell'impianto con caldaie a condensazione o con pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria.

La detrazione del 50% è invece possibile ottenerla nel contesto di lavori di ristrutturazione. Nello specifico la spesa massima che è possibile detrarre è di 96.000 € e riguarda tutti quegli interventi finalizzati al risparmio energetico, alla cablatura dell'edificio ed altri lavori sull'impianto di riscaldamento che rientrano nei parametri delle ristrutturazioni o nell'ambito di lavori di ristrutturazione. 

Per ottenere questi rimborsi si devono presentare i bonifici originali di pagamento, l'attestazione di Asservazione, l'APE che riporta i nuovi dati sull'efficienza energetica e tutte le ricevute delle spese legate all'opera.

21.558 persone hanno chiesto preventivi per riscaldamento

Preventivi per categoria
Preventivi relazionati