Come funziona il servizio di preventivi di habitissimo?
Richiedi un preventivo gratuitamente In meno di 1 minuto e gratis

Richiedi prezzi di riscaldamento online. Servizio totalmente gratuito e senza impegno. Potrai paragonare vari preventivi di riscaldamento dai migliori professionisti.

Prezzo di Riscaldamento

Quanto costa un lavoro di Riscaldamento?

Il prezzo medio è di

1.900 €
Da 350 € Prezzo più basso per la categoria: riscaldamento
Fino 5.700 € Prezzo massimo indicatoci dai professionisti per i lavori di riscaldamento

Questi prezzi sono approssimativi e possono variare in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

Per ottenere un preventivo personalizzato:

In questa guida

I migliori sistemi di riscaldamento

Riscaldamento a pavimento

Riscaldamento a pavimento

Il sistema di riscaldamento a pavimento viene anche detto anche “a pannelli radianti”, perché si tratta esattamente di installare pannelli radianti alla base del pavimento, al di sotto del rivestimento. La caratteristica principale di questo tipo di riscaldamento è che le tubazioni (nel caso di impianto ad acqua a circuito chiuso) o resistenze elettriche (nel caso di impianto elettrico) vengono disposte sotto il pavimento ed appoggiate a pannelli isolanti.

Il pro di questo tipo di riscaldamento è soprattutto nell'assenza dei radiatori all'interno della casa, da una visibile ridotta quantità di polvere e da una qualità dell'aria più pulita. Il tipo di calore è uniforme e compatto.

Il contro di un riscaldamento a pavimento è limitato al fatto che non tutti i rivestimenti possono accogliere questo tipo di impianto. Un esempio classico è il parquet in legno massello.

Ma quanto costa al metro quadro questo tipo di riscaldamento?

  • Installazione impianto riscaldamento a pavimento: dai 15€ ai 40€/mq

Fonte dell'immagine in: foto.habitissimo.it

Riscaldamento ad infrarossi

Riscaldamento ad infrarossi

Il riscaldamento a infrarossi sfrutta le proprietà dei raggi infrarossi, un tipo di radiazione invisibile all’occhio umano capace di riscaldare direttamente l'ambiente senza necessità di operare sull’aria.

I pannelli di cui si compone l'impianto vengono installati a parete e sono ricoperti da una superficie in vetro a più strati. Quello che alimenta la produzione di raggi a infrarosi è chiaramente l'energia elettrica, ragion per cui, se si sfrutta un impianto fotovoltaico, i consumi risulteranno chiaramente più bassi e davvero convenienti.

I pro di questo tipo di riscaldamento sono soprattutto nell'igiene, nella quasi totale assenza di polvere e allergeni che solitamente vengno liberati e fatti circolare con altri sistemi di riscaldamento.

I contro sono soprattutto nella totale assenza di accumulo di temperatura. Una volta spento l'impianto si esaurisce la produzione di calore e la casa ripiomba nel freddo.

  • I costi da sostenere per l'installazione di un impianto di riscaldamento a infrarossi è di 3.000€-4.000




Riscaldamento a soffitto

Riscaldamento a soffitto

Il riscaldamento a soffitto, lo si intuisce dalla sua definizione, è caratterizzato da un'installazione a soffitto, cioè nella parte alta della casa. Questo porta a una diffusione del calore dall'alto verso il basso, dunque esattamente il contrario dell'installazione del riscaldamento a pavimento. Come in questo tipo di riscaldamento, anche in quello a soffitto si sfrutta un sistema di riscaldamento radiante, fatta di tubazioni che ricoprono buona parte del soffitto in modo da generare una fitta rete diffusiva. I tubi sono poi solitamente coperti con il controsoffitto. Il cartongesso è il materiale più scelto perché presenta delle ottimali proprietà di accumulo e conduzione del calore, sprigionandolo in maniera graduale nell'ambiente.

Un contro di questo sistema è l'inefficacia in caso di abitazioni con soffitti molto alti.

Quanto costa installare questo tipo di riscaldamento?

  • Il sistema di tubazioni radianti ha un costo di installazione pari a 70€-80€/mq.
Riscaldamento a battiscopa

Riscaldamento a battiscopa

Il riscaldamento a battiscopa fa parte di quella serie di riscaldamenti definiti "radianti", ovvero, tramite la stesura di una fitta rete di tubazioni conduttrici, si diffonde calore in modo radiante lungo una detrminata porzione di spazio. In questo caso trattasi del perimetro della casa, visto che le tubazioni, precisamente due, passano sotto il battiscopa avvolgendo la casa in modo completo e senza tralasciare alcun angolo. I tubi sono solitamente realizzati in materiale altamente conduttivo, come il rame e per un verso trasportano acqua calda, per l'altro acqua fredda.

Il pro di questo sistema è senza dubbio nell'igiene, nel tipo di calore uniforme, nel risparmio energetico.

Quanto costa installare un riscaldamento a battiscopa?

  • L’installazione del riscaldamento a battiscopa, con accessori, la manodopera e il battiscopa di finitura arriva ai 150€ per metro lineare.

Informazione utile
  • L' A.P.E. è un documento che contiene le caratteristiche energetiche di un edificio, di un abitazione o di un appartamento. Questa "carta d'identità" identifica in una scala da A4 a G (scala di 10 lettere) le prestazioni energetiche degli edifici. Al momento dell' acquisto (già dal 1° Luglio 2009) o della locazione di un immobile (già dal 1° Luglio 2010), oltre ad essere obbligatorio, è utile per informare sul consumo energetico e chiarire sul reale valore degli edifici ad alto risparmio energetico.

    L'APE è tra i documenti necessari per ottenere il Certificato di Agibilità di un edificio.

  • 1-2 settimane
  • Difficoltà: Medio-Alta

Ecco gli impianti di riscaldamento più diffusi!

Riscaldamento a biomassa

Riscaldamento a biomassa

Chi desidera adottare i sistemi alternativi, può optare per il riscaldamento a biomassa, che è ecologico ed economico. Esistono, infatti, caldaie e stufe che funzionano con carburanti naturali e non inquinanti, come il pellet, il legno e il cippato. Per creare un’ineguagliabile atmosfera, è possibile installare anche un camino. Chi per diversi motivi non può eseguire lavori di muratura, o non vive all’ultimo piano, può optare per un camino senza canna fumaria. Il combustibile a biomassa, oltre ad essere facilmente reperibile ed estremamente sostenibile dal punto di vista dell’impatto ambientale. Una caldaia a biomassa può essere alimentata a legna, a cippato o a pellet.

Quanto può costare installare un impianto di riscaldamento a biomassa?

Installare un impianto a biomassa porta certamente vantaggi economici: a parità di resa il combustibile la biomassa costa meno rispetto alle fonti tradizionali.

  • Il legno costa circa 44€ Megawatt/ora
  • il gasolio 127€
  • il gpl 234€

Bisogna tuttavia tener conto che gli impianti a biomassa richiedono un investimento maggiore di acquisto: circa il triplo rispetto a un sistema tradizionale. Per una caldaia a biomassa in una villetta monofamiliare si spendono circa 15.000 €.

Riscaldamento con pompa di calore

Riscaldamento con pompa di calore

Sostituire il gas con l'energia elettrica per il riscaldamento, può essere vantaggioso se si opta per lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili, come per esempio un impianto fotovoltaico. Con il riscaldamento elettrico è quindi possibile risparmiare in funzione dell'energia autoprodotta: più si produce energia, più i costi si abbassano. Per questo tipo di riscaldamento si possono installare termoconvettori o pompe di calore.

La pompa calore è considerato un impianto ad alta efficienza energetica; l’unico neo di questo sistema può essere costituito dall’alto costo iniziale. 

Questo impianto può essere utilizzato sia per il riscaldamento invernale che per il raffreddamento estivo.

Le pompe di calore aria-aria sono le più diffuse, e sono molto semplici da installare, il loro costo spazia dai 400€ ad oltre 1.000 € (installazione esclusa).

  • La cifra può salire fino ai 6.000€-7.000€ nel caso di un modello multisplit, cui si aggiunge l'installazione.

Quelle aria-acqua, oltre a climatizzare l’ambiente, producono anche acqua calda sanitaria.

  • La cifra, comprensiva dell'installazione, oscilla fra gli 8.000€ e i 12.000.
Caldaia a basamento a gas

Caldaia a basamento a gas

Il sistema di riscaldamento più utilizzato è quello composto da una caldaia a gas (metano – gpl o gasolio) abbinata ai classici radiatori o termosifoni. Tuttavia, esistono anche altre tipologie, come le caldaie elettriche (che funzionano ad elettricità) e quelle a biomassa (che utilizzano un carburante naturale come il legno o il pellet). Per orientarsi nella scelta è bene ricordare che, ai sensi del DPR 660/96, le caldaie sono suddivise in quattro classi, che vengono identificate con il numero delle stelle. Le caldaie a 3 o 4 stelle presentano un rendimento più alto rispetto alle altre. Inoltre, e fortunatamente, con l'introduzione dei contabilizzatori di calore e delle valvole termostatiche, si evitano gli sprechi e si favoriscono l'efficienza energetica e il risparmio in bolletta.

Quanto costa installare un impianto di riscaldamento a gas?

  • L'allaccio in sé ha un costo che varia da poche centinaia di euro a circa 1400€ per zone molto isolate.
  • Il consumo annuo di metano è pari a circa 8,05€/mq da moltiplicare per i mq totali della casa.

Consigli per la scelta dell'impianto di riscaldamento

I lavori sull'impianto di riscaldamento maggiormente richiesti

Impianto di riscaldamento, cenni sulle detrazioni

Tra gli altri lavori che si possono svolgere sull'impianto di riscaldamento, alcuni garantiscono l'accesso ad agevolazioni e detrazioni fiscali, dal 50% fino al 65%.

I lavori che permettono di accedere al cosiddetto Ecobonus, quindi a detrazioni fiscali al 65% sono quelli che prevedono la sostituzione parziale o totale dell'impianto con caldaie a condensazione o con pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria.

La detrazione del 50% è invece possibile ottenerla nel contesto di lavori di ristrutturazione. Nello specifico la spesa massima che è possibile detrarre è di 96.000 € e riguarda tutti quegli interventi finalizzati al risparmio energetico, alla cablatura dell'edificio ed altri lavori sull'impianto di riscaldamento che rientrano nei parametri delle ristrutturazioni o nell'ambito di lavori di ristrutturazione. 

Per ottenere questi rimborsi si devono presentare i bonifici originali di pagamento, l'attestazione di Asservazione, l'APE che riporta i nuovi dati sull'efficienza energetica e tutte le ricevute delle spese legate all'opera.

22.889 persone hanno chiesto preventivi per riscaldamento

Prezzi per categoria
Prezzi correlati