Come funziona il servizio di preventivi di habitissimo?
Richiedi preventivi gratuitamente In meno di 1 minuto e gratis

Prezzo di Ristrutturazione Locali Commerciali

Quanto costa un lavoro di Ristrutturazione Locali Commerciali?

Il prezzo medio è di

43.115 €
Da 1.800 € È il prezzo più economico per "ristrutturazione-locali-commerciali"
Fino 340.000 € Prezzo massimo che ci hanno indicato i professionisti per i lavori di "ristrutturazione-locali-commerciali"

Questi prezzi sono approssimativi e possono variare in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

Per ottenere un preventivo personalizzato:

Aspetti da conoscere prima di comprare e ristrutturare un locale commerciale

Cosa devo sapere prima di aprire un locale commerciale?

La prima cosa da fare quando cercate un locale commerciale è verificare che sia tecnicamente possibile sviluppare qui la vostra attività. In questo modo eviterete spiacevoli sorprese dopo che avrete preso il locale e non sarà più possibile fare marcia indietro. Risolta la questione relativa all’ individuazione del locale, occorre ora studiarne l’aspetto. La facilità di vendita di un prodotto dipende in larga parte dall’ambiente in cui esso si trova. Il locale deve riflettere la personalità dell’attività che vi si svolge, e tale personalità trova espressione negli interni e gli esterni. L’identità del marchio, fondamentale per conquistare uno spazio nel mercato, è data da ogni singolo dettaglio e dalla comunicazione visiva che viene trasmessa.

Cosa devo includere nella richiesta di preventivo?

Per ricevere un preventivo per la riconversione di un locale commerciale, molto probabilmente sarà necessario ricorrere a professionisti di vario genere, inclusi muratori, elettricisti e idraulici, senza dimenticare arredatori e pittori. È importante che nel preventivo siano presenti i prezzi dettagliati di ciascuna di queste attività, che dovranno includere due elementi: il costo dei materiali da utilizzare e quello della manodopera.

Di quali servizi ho bisogno per effettuare una riconversione integrale del mio locale commerciale?

Per procedere alla riconversione di un locale commerciale, la prima cosa da fare è ottenere i permessi necessari, avvalendosi preventivamente di una consulenza dell’appaltatore. Successivamente si avrà bisogno di muratori, incaricati di eseguire l’opera propriamente detta. Dovendo probabilmente modificare l’impianto elettrico e idraulico, sarà necessaria la collaborazione di idraulici ed elettricisti. Il tocco finale spetta ai pittori, tuttavia molte persone assumono anche un decoratore quando fanno una ristrutturazione integrale del locale.

Di cosa occorre tener conto quando si esaminano i vari preventivi?

La prima cosa da tenere presente è se sia più economico optare per una riconversione integrale o assumere diversi professionisti separatamente. Normalmente le aziende di ristrutturazione sono più economiche, oltre al fatto che offrono un servizio completo, evitandoci di dover ricorrere a una gran quantità di professionisti. Poi bisogna capire se la differenza di prezzo tra un preventivo e l’altro sia dovuta a una qualità inferiore dei materiali. Si raccomanda di scartare le imprese che contano su un solo professionista per i vari settori d’intervento.

Cosa devo includere nella richiesta di preventivo?

La cosa fondamentale da indicare nella richiesta è se si desidera una ristrutturazione da zero dell’intero locale o solamente delle piccole modifiche. Poi occorre indicare se si desidera un tipo specifico di materiale, e infine le dimensioni del locale da ristrutturare. Essendo quest’ultimo uno degli elementi che incide maggiormente sui costi, è importante che le misure inserite nel preventivo siano esatte.

2.563 persone come te hanno richiesto preventivi per ristrutturazione locali commerciali

Ristrutturazione vetrine negozio
Pubblicato il 15/08/2017 Locate di Triulzi (Milano)

Preventivo ristrutturazione vetrine negozio

In un negozio devo sostituire le attuali due vetrine, dotate di telaio color nero e vetrate di sicurezza, rendendole entrambe dotate di porta da 100 cm con anta singola, e finestratura apribile a vasistas nella parte alta, per favorire l'aerazione del locale. Misure indicative delle luci attuali: 240 cm (larghezza) x 260 cm (altezza) ciascuna. Grazie.

Ristrutturazione negozio
Pubblicato il 31/07/2017 Verona (Verona)

Preventivo ristrutturazione negozio

Ho bisogno di effettuare degli interventi in un negozio vecchio : Abbattere tramezze, costruzione di qualche tramezza in cartongesso. Costruzione parziale soffitto in cartongesso. Costruzione da zero del bagno e quello vecchio va chiuso. Posa di pavimenti da noi forniti, piastrellatura totale piccolo locale 25 mq. Impianto elettrico completo. Essendo una nuova attività ho bisogno di fare il...

Ristrutturazione di locali commerciali: diverse tendenze

Stile ultramoderno

I locali commerciali che scelgono arredi minimalisti danno maggior spazio ai prodotti. L’attenzione infatti ricade su ciò che si vuole acquistare e le scaffalature, i ripiani e gli espositori sono progettati come puro e semplice oggetto funzionale.
Le forme sono geometriche, molto lineari, i colori neutri.

Stile provenzale

Uno stile che richiama il passato, ispirato alle abitazioni di campagna. 
I materiali sono il legno, il ferro battuto e il vetro, il colore è il bianco.
L’illuminazione è importantissima ed è bene puntare il più possibile su quella naturale, che fa anche risparmiare qualche soldino in bolletta.
Le decorazioni sono fiori, candele, tessuti ricamati.

Fonte: bottegadelleidee

Stile elegante

Per gli ambienti classici che puntano a quella fascia di clientela che apprezza fare acquisti all’ interno di un ambiente con mobili d’antiquariato, grandi specchiere e rivestimenti in marmo.
Anche le decorazioni sono lussuose, comprendono talvolta opere d’arte e personalizzazioni con il logo del negozio.

Fonte: agfarrediroma

Tematico

Ci sono periodi dell’anno che si prestano perfettamente per l’allestimento di un locale commerciale: l’arrivo della primavera, l’estate con le vacanze, l’autunno e i colori della natura, ma anche le festività come il Natale e la Pasqua.
Si possono decorare le vetrine e gli interni prendendo ispirazione dalle stagioni o dal film del momento: Star Wars, Harry Potter e Frozen sono solo alcuni esempi che attraggono l’attenzione dei patiti del film e fanno spuntare il sorriso sul viso del possibile cliente, che entrerà in negozio già ben disposto.

Fonte: tuttocarta

Informazione utile
  • Per ristrutturare un negozio hai diritto ad alcune agevolazioni che ti permettono di risparmiare: puoi infatti usufruire dell’IVA agevolata al 10%! Approfittane, perché è un bel risparmio e può essere applicata a tutte le opere murarie, comprese demolizioni, impianti, rivestimenti.

  • 30-40 giorni
  • Difficoltà: Alta

Differenti tipologie di locali commerciali

Reparti

I locali commerciali che propongono articoli della stessa categoria merceologica che possono essere suddivisi in reparti spesso optano per questa soluzione.
Si pensi ad esempio ad un negozio di abbigliamento che suddivide lo spazio tra reparto donna, reparto uomo e reparto bambini.
Il cliente viene subito indirizzato in una zona precisa del negozio in base a quello che vuole acquistare. Il personale che lo assiste è specializzato in quel settore e un’organizzazione di questo tipo permette di sfruttare al meglio quei locali formati da diversi ambienti. Valuta questa possibilità se il tuo spazio è articolato su diversi spazi o, se preferisci, puoi crearli tu con l’aggiunta di tavolati in cartongesso.

Open space

Un locale commerciale completamente aperto, in cui gli articoli in esposizione sono tutti visibili, permette al cliente di visualizzare a colpo d’occhio tutte le proposte, facendosi un’idea di dove dirigersi in base a quello che vede.
L’open space è perfetto per ambienti grandi, ma anche per spazi piccoli, dove tutto è a portata di mano. La ristrutturazione del tuo negozio può essere l’occasione giusta per creare un open space, dando maggior luce e aria al locale e recuperando lo spazio precedentemente occupato dai muri divisori.

Fonte: washingtonian

Megastore

Quando si hanno a disposizione più piani, si può sviluppare un locale commerciale utilizzandoli tutti. Il negozio multipiano generalmente viene definito megastore proprio per via delle sue grandi dimensioni, ma a volte una soluzione di questo tipo può essere sfruttata proprio nella situazione opposta, quando lo spazio espositivo è ridotto, ad esempio in un centro storico, e si può collegare anche il piano superiore o l’interrato. Un intervento di ristrutturazione può essere il momento perfetto per unire più ambienti. L’importante è riuscire a creare continuità tra gli spazi e avere la possibilità di inserire una scala comoda e sicura. Questi interventi aumentano il costo della ristrutturazione del negozio al metro quadro, ma ne vale sicuramente la pena perché aumenta lo spazio a disposizione. Questo significa più articoli e quindi più vendite.

Ristrutturare un locale commerciale in pochi passaggi

Piccoli accorgimenti per la ristrutturazione dei locali commerciali

Ristrutturazione di locali commerciali: normativa e agevolazioni

Ristrutturare un negozio significa apportare una serie di migliorie a favore del locale stesso, di chi ci lavora e della clientela. E’ quindi fondamentale prestare attenzione ad ogni aspetto.

Per ristrutturare un locale commerciale:

  • Permessi necessari: una manutenzione straordinaria o una ristrutturazione vanno dichiarate al proprio Comune secondo le disposizioni decide dal Settore Edilizia. Queste variano da città a città, ma tutte hanno in comune il fatto che la dichiarazione va presentata prima dell’inizio dei lavori.
  • Sovvenzioni: la ristrutturazione di un’attività commerciale da diritto all’IVA agevolata al 10%. Considerando che il costo dell’intervento al metro quadro, così come la tempistica, variano in base al tipo di opere che si vogliono realizzare, ogni tipologia di agevolazione fiscale è ben accetta.
  • Certificazioni: gli impianti di nuova installazione devono essere tutti provvisti di attestato di conformità rilasciato dal tecnico installatore.