habitissimo - Ristrutturazioni e servizi per la casa

Quanto costano le ristrutturazioni?

240 €/m²Prezzo medio

Fascia di prezzo indicata dai professionisti di ristrutturazioni: 80 €/m² - 400 €/m²

Richiedi preventivi ai migliori professionisti della tua zona

Questi prezzi sono indicativi e possono variare in base a fattori quali la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

ristrutturazioni

Quanto costano le ristrutturazioni?

Prezzo medio240 €/m²

Rango de precios: 80 €/m² - 400 €/m²

Richiedi preventivi ai migliori professionisti della tua zona

Estos precios son una estimación y pueden variar en función de factores cómo la calidad de los materiales, la duración de la obra, las dimensiones, etc. por lo que te aconsejamos pedir un presupuesto personalizado

In questa guida

Richiedi preventivi gratuiti e senza impegno ai professionisti della tua zona

Come funziona il servizio preventivi di habitissimo?

Grafico di persona che richiede il suo preventivo tramite cellulare1. Raccontaci del tuo progetto ristrutturazioni.
Persona richiedente un preventivo tramite il suo smartphone2. Confronta i migliori professionisti e aziende di ristrutturazioni.
Conversazione telefonica tra un professionista e un privato3. Potrai ottenere preventivi e assumere, se lo desideri, il professionista che più ti piace.
In meno di un minuto e gratis

Costi per ristrutturazione integrale

Tipo di lavoroPrezzoDettagli
Ristrutturazione casa
80.000 €
60 m²
Ristrutturazione locale commerciale
600.000 €
3.000 m²
Ristrutturazione ufficio
120.000 €
200 m²
Ristrutturazione negozio
100.000 €
120 m²
Ristrutturazione ristorante
180.000 €
300 m²
Ristrutturazione bar
100.000 €
120 m²
Ristrutturazione edificio
400.000 €
1.000 m²
Ristrutturazione villa unifamiliare
130.000 €
250 m²
Come otteniamo i prezzi?

Come otteniamo i prezzi?

I prezzi che compaiono in questa Guida ai Prezzi provengono da informazioni reali che riceviamo dai nostri utenti privati ​​e professionali, confrontati e verificati da esperti del settore
+ 200.939richieste di preventivo di ristrutturazioni
+ 42.716professionisti di ristrutturazioni
+ 15.075recensioni verificate da ristrutturazioni

Informazione utile

Prima di iniziare dei lavori in casa è consigliabile informarsi se si tratta di una ristrutturazione straordinaria o ordinaria. Nel primo caso è necessario chiedere dei permessi e ottenere delle autorizzazioni, nel secondo caso si può procedere senza stressanti iter burocratici!

  • Da 1 a 3 mesi
  • Difficoltà: Alta
arrow

Ristrutturazioni: quanto costa rinnovare un ambiente? E come farlo?

Tutte le ristrutture per la tua casaTutte le ristrutture per la tua casa

Ristrutturare casa vuol dire in primis rinnovare. Dall'aprire la cucina a rifare il bagno, dal pavimento al soffitto, i cambiamenti possono cambiare il nostro modo di vivere. Ad esempio la sostituzione della pavimentazione può essere fondamentale. Gres porcellanato, resina o parquet possono cambiare totalmente il volto di una casa ed essere posati direttamente anche sui pavimenti esistenti.

Quanto possono costare questi materiali?

  • Il costo al mq di un pavimento in gres porcellanato varia dai 10€ ai 30€.
  • Il costo al mq di un pavimento in resina varia dai 40€ ai 90€.
  • Il costo al mq di un pavimento in parquet varia in base alla qualità del legno e alla sua essenza, può pertanto oscillare dalle 30€ del parquet prefinito alle 60€ di un legno massello.
Ristrutturazioni per l'ufficioRistrutturazioni per l'ufficio

L’ufficio è un ambiente che necessita di ristrutturazioni periodiche in quanto deve garantire standard funzionali ed estetici. Allora cambiare l’arredamento, scegliendo uno stile che rispecchia l’azienda, o ripensare alla distribuzione degli spazi lavorativi, diventa la prerogativa di ogni azienda che si rispetti. Un frequente lavoro di ristrutturazione in cui si investe per un ufficio è l'installazione di un impianto di climatizzazione centralizzato.

Il giardino e le ristrutture esterneIl giardino e le ristrutture esterne

Uno dei lavori di ristrutturazione più frequenti che possono riguardare un giardino di casa è la piantumazione del manto erboso. Infatti avere un prato rigoglioso contribuisce a rendere curata e ordinata l’immagine del giardino nella sua totalità.

Si potrà scegliere tra due tipologie di manto erboso naturale:

  • La semina, che al mq può costare dai 3€ ai 10€.
  • Il prato in rotoli, il cui costo dipende molto dalla metratura del giardino: più è elevata la metratura più basso è il prezzo. Si passa dai 6€-7€ al mq per giardini di oltre 200 mq, ai 15€ per mq per giardino più piccoli di 50 mq
Modernizzare i locali industrialiModernizzare i locali industriali

La ristrutturazione di un locale industriale può prevedere interventi di ampliamento di alcuni ambienti per avere più spazio, al fine di contenere più merce o per nuova produzione. Si possono usare materiali come acciaio o cemento armato, prevedere lavori per migliorare l’efficienza energetica e la sicurezza. Per avviare l'ampliamento di un locale industriale i prezzi variano in base ai materiali utilizzati.

  • L'uso dell'acciaio per esempio è in una fascia di prezzo compresa tra i 180€ e i 280€ al mq.
  • L'uso del cemento può costare al mq dai 200€ ai 300€
Migliorare negozi e locali commercialiMigliorare negozi e locali commerciali

Oltre al design e all’arredamento, un locale commerciale deve essere progettato o ristrutturato in modo tale da poter garantire un ambiente accogliente alla propria clientela. L’insonorizzazione è un intervento che migliora l’esperienza dei clienti all’interno del locale. Quanto costa ristrutturare un locale commerciale includendo un progetto volto all'insonorizzazione?

Il sistema di insonorizzazione tramite installazione di una controparete in cartongesso coibentato ha un costo al mq che varia dai 35€ ai 45€ al mq.

Consigli per scegliere la migliore impresa di ristrutturazioni

Chiedere referenze

Prima di assumere un’impresa è bene chiedere in giro referenze. Una buona idea può essere quella di leggere le opinioni di altri clienti su Internet in merito a diverse aziende di ristrutturazione edilizia.

Firmare un contratto o un preventivo e occuparsi delle relative procedure

Anche se si ha piena fiducia della ditta che si è scelta, è consigliabile firmare sempre un preventivo o un contratto in cui siano riportati i dettagli punto per punto.

Verificare la copertura assicurativa della ditta

Se un’azienda non è dotata di assicurazione è bene non fidarsi. Infatti in caso di incidenti o di danni a terzi, in mancanza di assicurazione, si può essere coinvolti nei pagamenti/risarcimenti.

Optare per un pagamento frazionato

E’ consigliabile pagare a rate via via che i lavori procedono. La cosa migliore è concordare in anticipo con il professionista le scadenze dei pagamenti, mettendole nere su bianco nel contratto.

Essere presente durante i lavori

In questo modo è facile controllare come procedono i lavori, evitando quei malintesi che solitamente si verificano se la comunicazione tra cliente e azienda non è buona e frequente.

Garanzia di lavoro

Sarebbe opportuno farsi rilasciare una sorta di garanzia di qualità del lavoro, da mettere per iscritto prima dell'inizio delle ristrutturazioni.

Prezzi delle ristrutturazioni per città

CittàPrezzi
Torino
da 350€ a 800€ al mq
Pantelleria
da 150€ a 500€ al mq
Roma
da 150€ a a 800€ al mq
Montecarlo
da 190€ a 500€ al mq
Bergamo
da 300€ a 800€ al mq
Milano
da 350€ a 1.200€ al mq

Domande e risposte utili per chi deve affrontare delle ristrutturazioni

Cosa includere nella richiesta di preventivo?

Per qualsiasi ristrutturazione, è bene richiedere un preventivo al professionista specificando in dettaglio il lavoro, in modo che possa preparare un'offerta adeguata. È possibile ricevere fino a quattro preventivi gratuiti.

Affinché la ditta scelta possa elaborare un preventivo rispondente alla realtà, è necessario includere alcuni punti chiave, che variano a seconda del tipo di lavoro. Per avere un'idea, ecco alcuni degli elementi più comuni:

  • Descrivere la ristrutturazione che si vuole fare e il risultato che si vuole ottenere
  • Descrizione del luogo. Se si tratta di una ristrutturazione di casa, descriverne l'aspetto attuale, soprattutto per ciò che riguarda le dimensioni, la distribuzione, ecc.
  • Materiali. Specificare se si provvede da soli ai materiali o spetta alla ditta in questione. Nel secondo caso indicare le caratteristiche desiderate per i materiali stessi.

Come scegliere un'impresa affidabile?

Un buon punto di partenza per scegliere una ditta affidabile per la ristrutturazione della casa, può essere quello di chiedere a vicini e parenti che magari hanno già fatto lavori analoghi, ma sicuramente non è l'unica strada da percorrere. Oggi, infatti, le ditte accreditate sono tante e fanno parlare bene di sé, ma questo non è certo sufficiente per affidare ristrutturazioni importanti al primo che capita. Ecco quali sono le cose più importanti di cui tenere conto:

  • Idoneità tecnico professionale di una ditta. Essa può essere garantita attraverso una serie di documenti che va presentata presso l'ufficio comunale competente;
  • Lavori già eseguiti dalla ditta. Un'impresa in grado di mostrare ristrutturazioni già fatte, attraverso un sito internet che presenti una vasta galleria fotografica, è la migliore garanzia che possa fornire;
  • Ascolto e comprensione delle esigenze del cliente. Una ditta che si rispetti, prima di tutto deve essere in grado di ascoltare e capire quali siano le esigenze del cliente, in modo da consigliare il percorso più giusto da intraprendere.

Come calcolare il costo di una ristrutturazione?

Se si è deciso di acquistare una casa da ristrutturare, il primo pensiero è sicuramente quello di valutare quale possa essere il costo complessivo per rinnovarla completamente oppure eseguire soltanto gli interventi necessari, come il rifacimento del bagno e della cucina. A tale scopo possono essere di grande aiuto:

  • Strumenti di calcolo ristrutturazione online. Essi consentono di conoscere gli importi medi dei lavori che si intendono realizzare, variabili a seconda dell'area geografica in cui è ubicato l'immobile;
  • Richiesta preventivo online. 

Ristrutturazioni: cose da tenere a mente e prezzi da confrontare.

Quale illuminazione scegliere

Scegliere l'illuminazione giusta per tutti gli ambienti di casa non è certamente impresa semplice e sicuramente necessita dell'intervento di un professionista che possa consigliare la migliore soluzione in modo da soddisfare le esigenze di ogni singola stanza, senza rinunciare al confort.

Eppure esistono preziosi e semplici consigli per riuscire in questo intento ed optare, ad esempio, per l'installazione di faretti che possano valorizzare ogni angolo del tuo appartamento. Essi, infatti, producono una luce direzionale che illumina determinati punti evidenziando determinati elementi e svolgendo un'azione ben precisa. Per questo motivo possono essere utilizzati in cucina, in camera da letto, nella cabina armadio, nel bagno, nella sala da pranzo e nel salotto. Quanto costa installare i faretti all'interno di un controsoffitto? I faretti in sé hanno un costo ridotto, si può parlare di una media di 5€ per faretto. L'installazione dell'elettricista è da considerare un costo suppletivo.

Come ricavare più spazio in casa

Ecco un consiglio prezioso per riuscire ad ottenere più spazio con le ristrutturazioni di casa. Grazie ai sistemi a filomuro, si possono realizzare tantissime idee che permettono di recuperare tutto lo spazio di cui si ha bisogno.

Una porta filomuro, ad esempio, esalta gli spazi o divide gli ambienti prediligendo una continuità totale ed armonizzandosi perfettamente con la finitura superficiale della parete. Ma la scelta di tali sistemi è davvero molto vasta (battiscopa filomuro, sportelli cucina a filomuro, tende, placche elettriche, etc.). Il costo di un porta a filo muro è un po' più alto di una porta classica. Per una porta in legno a battente con telai in alluminio la spesa oscilla tra i 300€ e i 400€.

Come installare correttamente un allarme

Quando si è in fase di ristrutturazione casa, importante è dotarla anche di un sistema antifurto che possa proteggerla da visite indesiderate! Fattore che, soprattutto negli ultimi tempi, è divenuto fondamentale. Oltre a sistemi di protezione passiva, come porte blindate e finestre rinforzate, è opportuno installarne anche di protezione attiva, veri e propri impianti elettronici che tengano al sicuro il tuo bene più importante.

Al di là di quella che possa essere la scelta del sistema di allarme, prima di tutto assicurarsi che esso sia installato nel modo corretto; per farlo è necessario affidarsi ad una impresa qualificata, che rilasci il certificato di conformità al termine del lavoro.

Ma non è finita qui, perché un altro passaggio importante riguarda una corretta progettazione, che implica lo studio attento della planimetria dell'immobile, evidenziando i punti critici, ossia, quelli maggiormente esposti al pericolo di intrusione. Ogni tipologia di impianto allarme, inoltre, deve essere conforme alle norme CEI e certificato da IMQ.

Per quanto riguarda la tipologia, si potrà scegliere tra un impianto di allarme cablato e un impianto wireless. La differenza di prezzo è minima e in entrambi i casi, calcolando una qualità medio-alta di tutti i componenti che costituiscono l'impianto si parla di una spesa complessiva che va dai 1000€ ai 1500€. L'impianto wireless fa risparmiare in termini di installazione perché non va collegato nulla, tuttavia ha un costo più elevato in generale. L'impianto cablato, che costa meno, ha bisogno di manodopera per l'installazione soprattutto quando il sistema non è predisposto.

Ristrutturazioni: come procedere per non sbagliare

Quali lavori realizzare?

E' molto importante che si abbiano chiari i lavori da fare, perché da essi dipende anche la procedura burocratica da seguire:

  • Interventi di riparazione, sostituzione, rinnovamento, manutenzione di impianti già esistenti nell'abitazione non necessitano nessun tipo di richiesta o documentazione. (manutenzione ordinaria);
  • Interventi di rinnovo o sostituzione di parti anche strutturali dell'immobile e che non comportano modifiche della sua destinazione d'uso, prevedono la presentazione una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) corredate da documentazione redatta da un professionista certificato (geometra, ingegnere, architetto).

Per interventi più complessi, come la modifica della volumetria, l'apertura di finestre o balconi, è necessario richiedere la Concessione edilizia ed anche in questo caso l'intervento di una persona qualificata è vivamente consigliato.

A chi rivolgersi per il disbrigo dell'iter burocratico

Una volta stabilito il tipo di intervento, bisogna preparare l'incartamento necessario da presentare all'ufficio competente (ristrutturazione straordinaria). Due sono le soluzioni, ossia, rivolgersi direttamente al settore di edilizia privata del proprio comune, per conoscere la documentazione da preparare, oppure affidarsi ad un professionista che possa occuparsi di tutte le pratiche burocratiche. Il suo intervento si rivela molto prezioso in questi casi, specie quando non si ha la minima idea di come muoversi in questo settore

I punti fondamentali per dare il via a ristrutturazioni

Una volta individuato il professionista a cui affidare la procedura burocratica, prevista per i cosiddetti avori di ristrutturazione straordinaria, i successivi passi da compiere sono:

  • Stabilire budget di spesa, compresa la consulenza del professionista
  • Definire il progetto della ristrutturazione
  • Designare la ditta per i lavori e sottoscrivere il relativo contratto
  • Verificare che la pratica edilizia sia stata effettivamente presentata presso l'ufficio competente e i relativi tempi

Una volta che la ristrutturazione è iniziata, è fondamentale monitorare le varie fasi dei lavori, in modo da evitare brutte sorprese dopo.

Cosa fare a lavori ultimati

Una volta terminate le ristrutturazioni (straordinarie) è necessario che il committente comunichi al comune la fine dei lavori per iscritto. Inoltre è necessario presentare anche il certificato di collaudo, firmato dal tecnico, e il certificato di agibilità. Mentre la denuncia di variazione catastale è da presentare all'Agenzia del Territorio (Catasto).

Termini da conoscere sui costi delle ristrutturazioni

  • Calcolo costo ristrutturazione al mq: esso dipende da svariati fattori, primo fra tutti se è necessario effettuare un lavoro integrale della casa, se bisogna rifare anche gli impianti, quale è l'anno di costruzione dell'immobile (stato di conservazione), dimensioni e la sua tipologia (appartamento, villa, casale, etc.). Inoltre possono incidere sul costo anche i materiali utilizzati, da quelli pregiati a commerciali, e i serramenti da sostituire eventualmente. A questi elementi, infine, si sommano anche gli oneri di progettazione e direzione lavori.
  • Costo per la ristrutturazione del bagno: un restyling totale del bagno implica la demolizione dei sottofondi e del pavimento, la rimozione delle piastrelle e di tutti i sanitari, per poi proseguire con gli impianti elettrici ed idraulici. Sul costo di tale lavoro incide anche l'ubicazione della casa ma soprattutto grandezza dell'ambiente. Generalmente, per un bagno di circa 6 mq le spese si aggirano intorno agli 800€ - 1000€, a cui va aggiunta la realizzazione dell'impianto idraulico, da calcolarsi a punto acqua (da 150€ a 200€). Ad essi si devono aggiungere anche gli importi necessari per eventuali acquisti di sifoni, cassette di scarico, etc. e naturalmente dei sanitari, il cui prezzo varia a seconda della scelta che si fa.
  • Formula della ristrutturazione chiavi in mano: si tratta di un servizio oggi offerto da numerose imprese di ristrutturazioni, che mira ad offrire al cliente un unico interlocutore per tutte le fasi del lavoro da eseguire. In questo caso, infatti, nei costi sono compresi lo studio di fattibilità, lo sviluppo del progetto, la definizione degli aspetti finanziari e tecnici, la scelta dei materiali e l'esecuzione dell'opera. Questa rappresenta una buona soluzione per evitare di incorrere in perdite di tempo (affidandosi a più professionisti) e contenere i costi complessivi che una ristrutturazione richiede.

Ristrutturazioni: quando è indispensabile richiedere permessi ed autorizzazioni

Quando si decide di ristrutturare bisogna considerare che vi sono regole precise stabilite dalla legge, secondo cui anche i lavori devono essere eseguiti con scrupolo. Ciò vuol dire, innanzitutto, controllare che essi rispondano ai requisiti fissati, compresi quelli di carattere tecnico. Gli ambienti dell'immobile, infatti, non sempre possono essere stravolti, ecco perché il progetto deve essere verificato da un esperto. Gli interventi ammissibili sono:

  • Ristrutturazione ordinaria
  • Ristrutturazione straordinaria
  • Lavori complessi.

La ristrutturazione ordinaria riguarda l'abbellimento della casa e non coinvolge anche la struttura del palazzo (sistemazione della cucina, del bagno, sostituzione della pavimentazione, controsoffittature). In tal caso non è necessario alcun permesso.

Per quanto riguarda la ristrutturazione straordinaria, dove si rende necessario l'abbattimento di muri, il rifacimento del solaio, l'inserimento di una scala interna, vi è un iter burocratico da seguire. Per prima cosa bisogna presentare denuncia presso l'Ufficio competente del Comune, compilando specifici moduli a cui allegare la documentazione richiesta.

Un professionista abilitato può aiutare a mettere su carta il progetto da realizzare, preparando i documenti e verificando la fattibilità dei lavori ecc. Proprio quest'ultimo a presentare la corretta documentazione.

La SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) è l’atto necessario per rendere a norma di legge le ristrutturazioni. La SCIA permette ai lavori di essere avviati da subito e il comune ha 60 giorni per poter intervenire.

Quando è necessario presentare una SCIA?

Quando la ristrutturazione implica un restauro, la messa in sicurezza dell’edificio e il recupero della capacità strutturale. Oppure quando si avvia l'accorpamento o la divisione di unità abitative, la costruzione di parcheggi, l’inserimento di nuove finestre.

Un altro documento che può essere necessario ad avviare una ristrutturazione è la CILA.

Quando è necessario presentare una CILA?

La CILA è  una "Comunicazione di inizio lavori asseverata" ed è disciplinata dall’art. 6 bis del Testo Unico Edilizia. E' introdotta dall’art. 3 del Decreto Legislativo n. 222/2016. Va richiesta una CILA di fronte a interventi di manutenzione straordinaria: l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, la ristrutturazione o il risanamento conservativo di parti non strutturali, l'eliminazione di barriere architettoniche tramite l'inserimento in un edificio di ascensori esterni che di per sé modificano la sagoma dell'edificio.

Infine c'è il Permesso di Costruire.

Quando è necessario presentare un Permesso di Costruire?

Questo documento è disciplinato dal Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (d.p.r. n. 380/2001. Diventa necessario se si intende avviare interventi di nuova costruzione, se si intende avviare ristrutturazioni urbanistiche, se si avviano ristrutturazioni edilizie che hanno come fine realizzare un organismo nuovo o anche solo in parte diverso da quello di partenza. Questo include: cambi di volumetria, cambio dei prospetti, cambi di destinazione d'uso.

Il Permesso di Costruire va richiesto anche per avviare ristrutturazioni di immobili compresi nelle zone omogenee A e quando gli interventi di ristrutturazione comportano modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli.