habitissimo - Ristrutturazioni e servizi per la casa

Qual è il costo degli scavi?

35 €/m²Prezzo medio

Fascia di prezzo indicata dai professionisti di scavi: 12 €/m² - 80 €/m²

Richiedi preventivi ai migliori professionisti della tua zona

Questi prezzi sono indicativi e possono variare in base a fattori quali la qualità dei materiali, la durata del lavoro, le dimensioni...

scavi

Qual è il costo degli scavi?

Prezzo medio35 €/m²

Rango de precios: 12 €/m² - 80 €/m²

Richiedi preventivi ai migliori professionisti della tua zona

Estos precios son una estimación y pueden variar en función de factores cómo la calidad de los materiales, la duración de la obra, las dimensiones, etc. por lo que te aconsejamos pedir un presupuesto personalizado

In questa guida

Richiedi preventivi gratuiti e senza impegno ai professionisti della tua zona

Come funziona il servizio preventivi di habitissimo?

Grafico di persona che richiede il suo preventivo tramite cellulare1. Raccontaci del tuo progetto scavi.
Persona richiedente un preventivo tramite il suo smartphone2. Confronta i migliori professionisti e aziende di scavi.
Conversazione telefonica tra un professionista e un privato3. Potrai ottenere preventivi e assumere, se lo desideri, il professionista che più ti piace.
In meno di un minuto e gratis

Costi per scavi

Tipo di lavoroPrezzoDettagli
Scavi costruzione villa
1.800€
50 mc
Scavi costruzione casa prefabbricata
3.500€
100 mc
Scavi costruzione piscina
7.000€
200 mc
Scavi costruzione garage
14.000€
400 mc
Scavi costruzione edificio
17.500€
500 mq
Come otteniamo i prezzi?

Come otteniamo i prezzi?

I prezzi che compaiono in questa Guida ai Prezzi provengono da informazioni reali che riceviamo dai nostri utenti privati ​​e professionali, confrontati e verificati da esperti del settore
+ 2.794richieste di preventivo di scavi
+ 577professionisti di scavi
+ 57recensioni verificate da scavi

Quanto costano gli scavi?

Scavi di sbancamento

Scavi di sbancamento

Gli scavi a cielo aperto comprendono quelli di sbancamento e di splateamento. Gli scavi di sbancamento sono effettuati su terreni di grandi dimensioni che presentano dislivelli, per i quali è necessario realizzare interventi più complessi e lunghi. In questo caso, la profondità degli scavi può arrivare anche a 3 metri. Le macchine più impiegate per gli scavi di sbancamento sono le terne e i bobcat (per opere di piccola entità). Il costo medio per eseguire uno scavo di sbancamento (200 mc) è di circa 7.000€.

Scopri anche i prezzi per la manutenzione di un giardino!

Scavi di splateamento

Scavi di splateamento

Gli scavi di splateamento sono realizzati su tutti i terreni pianeggianti molto ampi. Tali operazioni includono anche la rimozione di alberi e ceppi (disboscamento) e di vegetazione (decespugliamento). Solitamente, uno scavo di questo genere non va oltre i 15 cm di profondità e viene effettuato per costruire le fondamenta a platea. Tra le tipologie di macchinari più utilizzati per gli scavi di splateamento vi sono la pala meccanica, l’apripista e l’escavatore. Il prezzo medio per fare uno scavo di splateamento (600 mc) è di circa 21.000€.

Scavi a sezione obbligata o ristretta

Scavi a sezione obbligata o ristretta

Gli scavi a sezione obbligata o ristretta (denominati anche scavi in trincea) sono particolari tipologie di sbancamenti del terreno caratterizzati da una larghezza uguale o minore rispetto all’altezza. In genere, questi scavi sono utilizzati per realizzare fondazioni a trave rovescia o a plinto e per posare le tubazioni. Il prezzo medio per uno scavo a sezione obbligata o ristretta (80 mc) è di circa 1.500€.

Consolidamento fondazioni: prezzi e preventivi

Scavi in pozzo

Scavi in pozzo

Gli scavi in pozzo si realizzano quando la profondità dello sbancamento è maggiore rispetto all’ampiezza della superficie orizzontale del terreno. Si tratta di opere finalizzate allo scavo di pozzi verticali (come ad esempio, quelli destinati alla ventilazione e alle ispezioni). Il prezzo medio per eseguire gli scavi per un pozzo profondo 4 m è di circa 2.000€.

Installare una pompa per acqua: informazioni e costi

Scavi in galleria

Scavi in galleria

Gli scavi in galleria o in sotterraneo vengono eseguiti se non è possibile (a livello tecnico o economico) effettuare degli scavi a cielo aperto. Questi interventi servono per realizzare varie tipologie di tunnel e cunicoli, come ad esempio, le gallerie di traffico e trasporto (autostradali, ferroviarie, stradali, pedonali e metropolitane), le gallerie convettive (per condotte per centrali idroelettriche, acquedotti, fognature e vie di trasporto per impianti industriali) e infine, le gallerie minerarie. Spesso, per la realizzazione di questo tipo di scavi, vengono usati gli esplosivi. Il prezzo medio per uno scavo in galleria (120 mc) è di circa 5.400€.

Informazione utile

Il prezzo medio per realizzare uno scavo di 400 mc è di circa 14.000€.

  • Variabile
  • Difficoltà: Alta
arrow

Esempi di preventivi per realizzare scavi

Il costo complessivo degli scavi varia in base ad elementi di diversa natura. Tra questi, vi sono:

  • la tipologia di terreno da scavare (argilloso, roccioso, sabbioso ecc.);
  • la complessità dei lavori;
  • le tariffe dei professionisti;
  • eventuali oneri burocratici;
  • la zona geografica in cui ci si trova.

Qui di seguito si elencano alcuni esempi di preventivi, i cui prezzi cambiano a seconda di alcuni degli elementi appena indicati.

  • Realizzare scavo di sbancamento terreno sabbioso o argilloso (fino a un massimo di 1,50 m): prezzo medio di circa 6€/mc.
  • Effettuare scavo di sbancamento terreno sabbioso o argilloso (fino a un massimo di 2 m): costo medio di circa 10€/mc.
  • Scavi terreno roccioso compattoprezzo medio di circa 60€/mc.
  • Scavi terreno roccioso eterogeneocosto medio di circa 40€/mc.
  • Scavi terreno roccioso (tufo)prezzo medio di circa 12€/mc.
  • Movimentazione terrenocosto medio di circa 20€/mc.

Infine, bisogna tenere presente che, in linea generale, il costo medio degli scavi è di circa 35€/mc.

Cosa c'è da sapere sul piano scavi?

Il piano scavi o piano di utilizzo delle terre e rocce da scavo, è regolato da una specifica normativa (DPR 13 giugno 2017 n. 120) ed è opportuno realizzarlo quando i materiali derivanti dagli scavi sono impiegati nuovamente come sottoprodotti. Il piano scavi è obbligatorio nel caso in cui si abbia a che fare con una nuova costruzione e con la realizzazione delle fondamenta di una determinata profondità.

Quando i materiali derivanti da scavi sono utilizzati come sottoprodotti

Per essere definiti sottoprodotti, terre e rocce da scavo devono soddisfare alcune condizioni:

  • lo scopo primario delle attività non è la produzione di materiali da scavo;
  • sul materiale non viene effettuato alcun trattamento diverso dalla normale pratica industriale;
  • il materiale da scavo è pulito e non è fonte di contaminazione delle falde acquifere.

Tali condizioni devono essere comprovate tramite la redazione del piano di utilizzo.

Quando i metodi di scavo possono contaminare il terreno

Per essere certi che i materiali di scavo non siano contaminati, è necessario eseguire un esame di caratterizzazione ambientale. Se i materiali risultano contaminati, bisogna provvedere ad una bonifica preliminare del lotto in questione. In questo caso, occorre trattare i materiali come rifiuti, pertanto la procedura da eseguire per lo smaltimento è differente, rispetto a quella relativa ai sottoprodotti.

Quando si utilizzano materiali estratti

L'ANCE ha chiarito che i materiali contenenti bentonite, calcestruzzo, vetroresina, miscele cementizie ed additivi, possono essere reintrodotti in un nuovo ciclo produttivo, purché non superino i limiti massimi di concentrazione di inquinanti. Per tale motivo, è necessario spiegare l'utilizzo di tali materiali nel piano scavi.

Chi approva il piano scavi o di utilizzo?

Una volta presentato il piano di utilizzo, 90 giorni prima dell'inizio dei lavori, è necessario attendere che l'autorità competente esprima un parere sullo stesso. In mancanza di una risposta, non è possibile gestire autonomamente i materiali estratti.

Dove depositare i materiali estratti in attesa dell'approvazione del piano scavi?

In attesa di ricevere risposta dall'autorità competente, i materiali estratti possono essere depositati temporaneamente in un deposito intermedio, che deve essere indicato nel piano scavi ed aggiornato in caso si proceda al cambiamento del luogo di deposito.

Prezzi degli scavi per città

CittàPrezzi
Bari
da 5€ a 70€ al mc
Genova
da 7€ a 80€ al mc
Torino
da 6€ a 80€ al mc
Varese
da 6€ a 80€ al mc
Milano
da 8€ a 80€ al mc
Bergamo
da 6€ a 80€ al mc
Palermo
da 5€ a 70€ al mc
Roma
da 5€ a 80€ al mc
Cagliari
da 5€ a 70€ al mc

Aspetti da conoscere prima di eseguire uno scavo

Quali sono i lavori più comuni che rientrano nella categoria scavi?

In genere, le ditte che si occupano di scavi, offrono un’ampia gamma di servizi per tutto ciò che riguarda il movimento terra. Tra questi, troviamo:

  • smaltimento macerie e terreno;
  • diboscamento di un terreno;
  • compattazione suolo;
  • dragaggio di corsi d'acqua.

 I lavori che le ditte eseguono sono molteplici: si va dal semplice scavo di una fossa al decespugliamento, fino alla pulizia di un terreno per prevenire gli incendi in estate o semplicemente per migliorarne l'aspetto. Naturalmente, i professionisti effettuano anche lavori di livellamento, fondamentali per gettare le fondamenta in modo efficace.

Cosa devo includere nel preventivo per l’esecuzione di lavori di scavo?

Ci sono vari aspetti da considerare quando ci si appresta ad eseguire dei lavori di scavo, i quali influiscono in maniera considerevole sul preventivo, e che quindi, vanno indicati con precisione nella richiesta. Tra essi troviamo:

  • profondità dello scavo: è piuttosto ovvio che, più profondo è lo scavo, maggiore sarà il costo del servizio. Anche se lo scavo è piccolo in termini di metri quadrati, quello che conta è la profondità, che va perciò indicata con precisione nella richiesta di preventivo al professionista.

  • Ampiezza dello scavo: questo elemento si riferisce alla quantità di terra da rimuovere, e maggiore sarà il suo volume, maggiore sarà il costo del servizio, in quanto richiederà tempi di esecuzione più lunghi e più manodopera. È consigliabile includere nel preventivo i dati relativi a tale punto, affinché il professionista possa elaborare un preventivo più realistico.

  • Natura del terreno: non è la stessa cosa lavorare su un terreno liscio e su uno roccioso. Il servizio, sarà quindi più caro se il terreno è roccioso, in quanto le ditte dovranno usare macchine specifiche, con il conseguente aumento dei lavori e dei costi. Ugualmente, il preventivo sarà più caro nel caso in cui il terreno sia scosceso o in cattivo stato. Occorre perciò descrivere con precisione il tipo di terreno e le sue condizioni.
  • Mezzi utilizzati: nella richiesta di preventivo va specificato chiaramente il tipo di lavoro da eseguire, in questo modo, il professionista sarà in grado di capire se servono solo una pala e un piccone o altri mezzi che aiutino nei lavori, come ad esempio escavatrici, gru, camion e martelli idraulici.

Come scegliere il professionista migliore per i lavori di scavo?

Gli scavi sono una parte fondamentale dei lavori di costruzione, e devono essere eseguiti da professionisti specializzati e con macchine adeguate. Per scegliere la ditta giusta, è opportuno confrontare diversi preventivi, e possibilmente, verificare tra loro i lavori eseguiti in precedenza, per valutare come opera ciascuna ditta e decidere quale soddisfa maggiormente i propri gusti e necessità.

Come fare scavi per irrigazione in 8 semplici passi

Anche per installare un impianto di irrigazione può essere necessario effettuare degli scavi. Non si tratta di un'operazione molto complessa, tuttavia, è sempre meglio rivolgersi ad un esperto del settore per ottenere un buon risultato. Ecco come si può procedere, in linea generale.

Scelta dell'impianto di irrigazione

Il primo passo da seguire è quello di individuare l'impianto di irrigazione più adatto alle proprie esigenze, scegliendolo in base alle dimensioni del giardino che si intende irrigare. In commercio, ne esistono di diverse tipologie, come ad esempio, quelli interrati e quelli fuori terra.

Disposizione corretta degli irrigatori

Prima di effettuare gli scavi per l'interramento delle tubazioni, è importante capire in quali zone del giardino disporre gli irrigatori.

Tracciamento del percorso per l'installazione delle tubazioni

A questo punto, è possibile tracciare sul terreno il percorso che dovranno seguire le tubazioni. Tale intervento si può fare utilizzando dei picchetti per segnare i punti in cui verranno installati gli irrigatori.

Operazione di scavo per il posizionamento delle tubazioni

Finalmente, può iniziare lo scavo. In questo caso, occorre scavare un solco lungo il percorso precedentemente tracciato, il quale sia profondo circa 30 cm. In seguito, è possibile posizionare le tubazioni.

Posizionare e fissare gli irrigatori

Dopo gli scavi, si possono posizionare gli irrigatori, fissandoli con apposite prese a staffa.

Importanza del collaudo dell'impianto di irrigazione

È giunto il momento di collaudare l'impianto di irrigazione: questa operazione deve essere fatta prima di richiudere lo scavo effettuato, in modo da verificare se vi siano eventuali perdite.

Rinterro dello scavo

Dopo il collaudo, si può procedere con il rinterro, assicurandosi di liberare il circuito di irrigazione da ogni residuo di terra.

Sistemazione manto erboso e programmazione dell'impianto

Una volta risistemato il tappeto erboso, ci si può dedicare alla programmazione del sistema di irrigazione del giardino, attraverso l'apposito programmatore fornito al momento dell'acquisto dell'impianto, che ci consentirà di irrigare secondo le proprie esigenze.

Come vengono eseguiti gli scavi per la realizzazione di fognature?

Modalità di esecuzione dello scavo per realizzare le fognature

Che si tratti di un edificio condominiale, di una villa o di una casa singola, una volta terminata la costruzione, è necessario procedere agli scavi per le fognature ed al relativo allacciamento. Per consentire una corretta esecuzione dei lavori di posa delle tubazioni, la larghezza delle sezioni di scavo deve essere almeno di 20 cm, a meno che non si necessiti di un'ampiezza maggiore dovuta alla profondità ed alla natura del terreno, mentre, di norma, la profondità non va oltre 1,50 m.

Posizionamento tubazioni ed allacciamento

La tubazione fognaria va posta ad almeno un metro di distanza dalle altre tubazioni e l'allaccio alla rete deve essere sempre posato ad una quota inferiore alle tubazioni degli acquedotti.

Come viene eseguito il rinterro

Prima dell'operazione di posa, gli operatori provvedono a stendere un letto di sabbia di fiume con spessore di 10 cm, in seguito, installano le tubazioni, eseguono il collaudo e riempiono lo scavo, ponendo attenzione a coprirlo fino ad un'altezza di 10 cm. Successivamente, essi effettuano il rinterro (al di sopra dello strato di sabbia) con materiali di risulta, se idonei a tale scopo.

Quali tubazioni vengono usate per le fognature?

I tubi che la ditta incaricata al lavoro utilizza per le fognature sono in PVC rigido e conformi alla normativa europea. I giunti con guarnizione elastomerica possono avere un diametro di:

  • 160 mm;
  • 200 mm;
  • 250 mm.

Inoltre, le tubazioni non possono avere una pendenza inferiore all'1%.

Adempimenti del richiedente i lavori

Il richiedente i lavori di scavi per fognature e il conseguente allacciamento, è tenuto a chiedere la verifica della corretta esecuzione dell'intervento all'ufficio competente almeno 10 giorni prima, inviando ad esso una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti la buona riuscita dell'operazione, prima dell'allacciamento alla rete pubblica.

Cosa dice la legge circa gli scavi?

Quando si ha a che fare con dei lavori di scavo, è essenziale rispettare le disposizioni presenti nei vari testi normativi di riferimento.

Ecco quali sono le fonti principali da controllare, relative a questa tipologia di operazioni:

  • Testo Unico sulla Sicurezza Sul Lavoro (T.U.S.L): titolo IV, Cantieri Temporanei o Mobili – Capo I, II, III.
  • Decreto n. 120 del 13 giugno 2017, Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo (…).
  • D.P.R. n. 320 del 20 marzo 1956: Norme per la prevenzione degli infortuni e l’igiene del lavoro in sotterraneo.
  • D.P.R. n.177/2011: Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento (…);
  • Decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006: Norme in materia ambientale.

Naturalmente, esistono tante altre leggi da verificare in vista della realizzazione degli scavi, inclusi i regolamenti comunali e regionali del luogo in cui è situato il terreno da scavare.